danus une man: il cinc par mîl al Tomât: 00813990306

danus une man: il cinc par mîl al Tomât : 00813990306
 
La Associazion culturâl di promozion sociâl "El Tomât"  APS affianca dal 1987 l'omonimo periodico nato nel 1979, implementando attività di produzione culturale con incontri, mostre, spettacoli su temi quali solidarietà, pace, ambiente, storia locale e delle migrazioni, in una ottica di ricerca etnografica e antropologica, con attenzione alla questione femminile e alla promozione della lingua e della cultura friulana, anche con attività editoriali e di lavoro in rete con altre realtà locali.
 

Poni la tua firma nel riquadro: "Sostegno del volontariato e delle altre associazioni di promozione sociale e delle associazioni riconosciute.....".

Riporta nell'apposito spazio il codice fiscale 00813990306

con queste due operazioni ci aiuterai a realizzare i nostri progetti culturali

 

 


danus une man: il cinc par mîl al Tomât: 00813990306 (2)

danus une man: il cinc par mîl al Tomât : 00813990306
 
La Associazion culturâl di promozion sociâl "El Tomât"  APS affianca dal 1987 l'omonimo periodico nato nel 1979, implementando attività di produzione culturale con incontri, mostre, spettacoli su temi quali solidarietà, pace, ambiente, storia locale e delle migrazioni, in una ottica di ricerca etnografica e antropologica, con attenzione alla questione femminile e alla promozione della lingua e della cultura friulana, anche con attività editoriali e di lavoro in rete con altre realtà locali.

Poni la tua firma nel riquadro: "Sostegno del volontariato e delle altre associazioni di promozione sociale e delle associazioni riconosciute.....".

Riporta nell'apposito spazio il codice fiscale 00813990306

con queste due operazioni ci aiuterai a realizzare i nostri progetti culturali

 

BUINE PASCHE cun tune poesie di MARIA FORTE

VINT DI PASCHE di Maria Forte
 
Un vint clâr di cjampanis
al fâs Pasche di gnûf.
 
Puartadis vie lis violis dai altârs
e torne fieste
tal cîl dai piersolârs.
 
Ma il vint di Pasche
al sgrie dibant
peraulis dolcis su l'aghe.
 
E si cîr la Tiere Imprometude
simpri di là
dai flôrs dal piersolâr.
 
BUONA PASQUA in POESIA FRIULANA di M.Cristina Nascosi Sandri
Con la lirica di una grande poetessa furlana, MARIA FORTE
di M. Cristina Nascosi Sandri
 
BUONA PASQUA in POESIA FRIULANA di M.Cristina Nascosi SandriVenerdi, 02/04/2021 -
Maria Tore Barbina ed Andreina Nicoloso Ciceri, scrittrici e critiche della regione più compendiativa dell’Italia tutta, il Friuli-Venezia Giulia, anni fa, nel loro volume antologico "Scrittrici contemporanee in Friuli", sottolinearono come "(...) Quella sia una regione strutturata dalla donna più che dall'uomo”.
Secondo loro, infatti, dalle pagine di lirica e di prosa delle letterate ‘furlane’, emergono ‘ritratti del Friuli quanto mai lontani dall'immagine oleografica, folcloristica o mitica che spesso viene contrabbandata per autentica’. A incominciare dalla madre di tutte le scrittrici in marilenghe (madrelingua), Caterina Percoto, grazie alla sua prospettiva di ‘poetessa contadina’, figlia della sua terra e del suo tempo, ed all'estrema cura lessicale e grammaticale nell'uso della lingua.
 
Ma è nel secondo dopoguerra che sboccia la migliore letteratura friulana al femminile, con Maria Forte, Novella Cantarutti, Nadia Pauluzzo, Jolanda Mazzon, Ida Vallerugo - solo per citarne alcune. Maria Forte (1899-1979), in particolare, ha esordito con la poesia, ma ha trovato il suo canale espressivo d'elezione nella narrativa, regalando alla letteratura in friulano due raccolte di racconti e, soprattutto, due ottimi romanzi (Cjase di Dalban; La tiere di Lansing).
 
La Forte è stata insegnante, poetessa, scrittrice. Iniziati gli studi magistrali a San Pietro al Natisone, dovette interromperli per la rotta di Caporetto (1917) e li completò a Rimini. Insegnò a Viserba, Madonna e San Floriano di Buia. Scrisse dapprima, come detto, poesia per passare poi al racconto ed infine al romanzo. Appartenne al gruppo di Risultive. Anche la sua prosa spicca per la proprietà e la ricchezza della lingua, caratteristiche sempre molto precise, in particolar modo, ‘al femminile’. Collaborò alle pubblicazioni della Società Filologica Friulana. Le sono state intitolate due scuole: a Buia e ad Udine.
A seguire, in prossimità della Pasqua, si propone una lirica in argomento, di Maria Forte, bella, semplice, ma profonda quanto mai.

www.noidonne.org

2024- 1944 a BUJE otante agns indaûr

2024- 1944 a BUJE otante agns indaûr

 Accademia degli Accesi … Questo è un episodio della nostra storia !

" ... Nel 1944 un gruppo di partigiani, ossia di patrioti che soggiornavano sui monti, tutti . studenti, avevano divisato di costituire un gruppo di studio per proseguire in un certo modo le lezioni interrotte forzatamente con l'invasione nemica; e la loro “associazione” vollero che si chiamasse pomposamente “Accademia” con quel po po di nome “degli Accesi”.

Non erano loro forse delle anime accese che ardevano, consumandosi in attesa della Libertà soffocata dai nazifascisti ? …"

(da Alpini di Buja di Pietro Menis/ nota 19)

 

 par un 25 di Avrîl di pâs e di justizie e libertât

cjalait ancje

 https://m.facebook.com/people/Associazione-Culturale-El-Tom%C3%A2t/100064390941626/

https://www.facebook.com/aBujeSiPuesInsieme/

 https://www.anpiudine.org/

https://www.partigianiosoppo.it/

https://www.fondazionecvl.it/

https://www.patriaindipendente.it/

 

 

 

UNO SGUARDO SULLA VITA DELLE DONNE NEL MONDO

Sabato 9 marzo alle ore 18.oo nel Centro Meneute di Avilla di Buja

in occasione della Giornata Internazionale dei diritti delle donne

incontro con la dott.ssa Daniela Gerin

UNO SGUARDO SULLA VITA
DELLE DONNE NEL MONDO


Daniela Gerin, già ginecologa consultoriale a Trieste, socia della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni e del Gruppo Immigrazione Salute  Fvg, attiva nel gruppo salute donna, socia fondatrice della Casa Internazionale delle Donne di Trieste. Viaggiatrice.

Pe Fieste des Feminis, incuintri cun Daniela Gerin, dotoresse, par tancj agns responsabil dal plui impuartant consultori di Triest, dulà che si è cjapade a cûr la salût e la vite di tantis feminis ancje forestis

SABIDE AI 9 DI MARÇ AES SÎS DI SERE
TAL CENTRO MENEUTE DI VILE DI BUJE

 

 

Informazioni aggiuntive