Giornata della memoria 2014

“zornade de memorie”

“cercando le parole”

SABIDE 25 di zenâr aes vot e mieze di sere te ostarie di Parùs a Saramont di Madone di Buje par tignî vif el ricuart de esperience tragjiche des vitimis di ducj i parcè che i dirits des personis, l’acet, la solidarietât e la pâs cjamps di concentrament a sedin patrimoni di feminis e oms in dut il mont.

"La Republiche taliane e ricognòs la zornade dai 27 di Zenâr, date che a son stâts butâts jù i cancei di Auschwitz, "Zornade de Memorie", cun chê di ricuardâ la Shoah, lis leçs raziâls, la persecuzion taliane dai citadins ebreus, i talians che a àn patide la deportazion, la prisonie, la muart, e ancje chei che, ancje in cjamps e posizions diferents, si son oponûts al progjet di stermini, e metint in pericul la lôr vite a àn salvât altris vitis e protezût i perseguitâts".( leç 211 dal 2000)

“chicchi di riso”

Ad apertura di serata la presentazione dell' affascinante libro "Chicchi di riso", parola della poesia di Roberto Dedenaro, parola delle immagini di Patrizia Borghi,: parole dolci, parole del ricordo, parole del gioco antico delle filastrocche, parole bambine; interpretazione di sguardi e pensieri di bambini e di quanti persero la vita nella Risiera a

 “...parole dolci, parole del ricordo, parole del gioco antico delle filastrocche, parole

bambine.

Raccontare ai bambini quello che successe nella Risiera di San Sabba è fondamentale se vogliamo trasmettere alle nuove generazioni la memoria storica. Non dimentichiamo che la scrittura è il prolungamento della memoria dell'uomo e senza

Così scrive Livio Sossi nella prefazione al libro ricordando che il riso, nei suoi diversi significati, può raccontare la storia, di bambini ingannati e perduti, ai bambini di oggi.

Riso come cibo gioco sogno desiderio e alla fine inganno.

Perché le storie raccontate ai bambini restano per sempre nei ricordi, anche dei grandi.…

“cercando le parole”

documentario diretto da Paolo Comuzzi e Andrea Trangoni che racconta la resistenza civile delle donne friulane attraverso le parole delle protagoniste

Gli internati militari italiani, catturati dopo l’8 settembre 1943 dall’esercito tedesco, vengono avviati nei campi di concentramento in Germania. Questi treni, scortati dalle SS, transitano anche dalla stazione ferroviaria di Udine. Dalle grate dei carri bestiame, i prigionieri lasciano cadere bigliettini scritti a matita, brevi messaggi indirizzati ai familiari ignari. Le donne friulane, incuranti dei pericoli, li raccolgono fino all’ultimo e li inviano ai destinatari.

Molte donne friulane dopo l’8 settembre 1943 si attivarono per dare conforto e aiuto, nelle fermate dei convogli presso le stazioni ferroviarie, ai deportati militari mandati verso i campi di concentramento. Racconta quegli episodi di impegno civile con la forza e la semplicità delle parole delle protagoniste. Dalle testimonianze orali emergono tante piccole storie quotidiane di disubbidienza e di reazione all’indifferenza, che ci riconsegnano la consapevolezza di poter cambiare le cose con un coinvolgimento diretto e personale: “erano soprattutto donne, non solo donne, ma soprattutto donne che raccoglievano i bigliettini che i deportati facevano cadere dai vagoni. Nemmeno uno doveva restare per terra”.... “il giorno 14 alla stazione di Udine ho incontrato vostro figlio Claudio, che di passaggio verso la Germania, fa sapere che gode di ottima salute e invia a voi baci e cari ricordi”.

“Cirint peraulis” video-documentari su la resistence civîl da lis feminis furlanis, al puarte a la memorie la mobilitazion di tantis feminis furlanis che dai 8 di Setembar dal 1943 si moverin par dâur confuart e aiût, ta lis fermadis dai trenos ta lis stazions feroviariis, ai deportâts militârs mandâts tai cjamps di concentrament. Al conte dai episodis di impegn civîl cu la fuarce e la semplicitât da lis peraulis da lis protagonistis. Da lis testemoneancis orâls a vegnin fûr tantis piçulis storiis di ogni dì di disubidience e di reazion a l’indiference, che nus tornin a dâ la cussience di podê cambiâ lis robis cuntun coinvolgiment diret e personâl. “A jerin soredut feminis, no dome feminis, ma soredut feminis ch’a cjapavin sù i bilietuts che i deportâts a fasevin colâ dai vagons. Nancje nol veve di restâ par tiere” – “Te zornade dal 14, a la stazion di Udin, o ai cjatât vuestri fi Claudio, che di passaç viers la Gjermanie, al fâs savê che al sta benon e us mande tantis bussadis e salûts di cûr”

SABIDE 25 di zenâr aes vot e mieze di serete ostarie di Parùs a Saramont di Buje

Tignìn vive la memorie de esperience tragjiche des ditaturis, ancje dal ricuart des vitimis che a pierderin la vite tai cjamps di concentrament par

che i dirits des personis, l’acet, la solidarietât e la pâs a sedin un alc di no podê fâ di mancul e un patrimoni di feminis e oms in dut il mont.