"Vòs Disdevore"

 

 

 

miercus 24 di avrîl a Udin te sala Ajace di place Libertât

presentazion dal libri "Vôs Disdevore" di Maria Forte

 

mercoledi 24 aprile a UDINE in sala Ajace  alle ore 18.oo

a cura della Biblioteca Comunale di Udine sarà  presentato

 

"Vôs disdevore"  di Maria Forte edito dal Tomât

intervents di Laura Nicoloso e de Compagnie dal Teatri Sperimentâl di Vile

 

 

Marie Forte, scritore in lenghe furlane, e fo une femine fûr dal ordenari.

O cirarìn di cognossile atraviers lis sôs stessis peraulis, gjavadis fûr di inedits e di sclesis de sô opare,

A saran i atôrs dal Teatri sperimentâl di Vile di Buje a proferî leturis interpretativis di poesiis e di contis; Laura Nicoloso e contarà de sô vite e dal so scrivi, vint scrusignât ancje i soi rapuarts cul mont di une Italie verzelade dai “dialettali ultimi, in continuo fermento, in continua evoluzione, in continua ascesa...asciutti, nervosi, umorosi, intenti ad esprimere con un dialetto ridotto all'osso ognisentimento e movimento dell'anima”. Femine di fin vot cent, anime in continue bulidure, e à lassât olmis impuartantis te leterature furlane dal nûfcent, vint cjapade la strade di une lenghe furlane rude e sclete, gjavade fûr diretamentri (in sintonie cunPasolini) de scolte de fevele de int dal so borc, thopos de sô ispirazion, lûc e materiedi narazion, che e sfiave di un univiers antropologjic e di un spazi ontologjic bendefinît.

E à scrit par furlan, par sielte, cence lassâsi inceâ e tant mancul cundizionâ dichei che a sburtavin par cjatâ piturât un Friûl oleografic e folcloristic, di comut.
Tensions poetichis, verisim, il sintîsi dentri di ogni creature, il svuessâ la espression par sugjerî intindiments, la sielte de lenghe native tant che espression di une libertâtcence cundizions: dome un pocjis di musis de opare di Marie Forte. La ultime edizion anastatiche di “Vôs disdevore” , cun dissens e traduzions scritis a man de autore stesse, libri che al ten dentri sessanteun tescj poetics, e vignarà presentade vie pe sere.


L' incontro vuole offrire un percorso per scoprire e conoscere l'opera letteraria di Maria Forte, una donna friulana nata alla fine dell'ottocento che seppe fare dellalingua friulana, scandagliata e vissuta nelle sue pieghe più schiette e nascoste, unostrumento per dire ogni moto dell'animo umano. Donna scrittrice, ruppe le barriere esi pose contro la rigidità di schemi che volevano il mondo e la lingua friulana retorici ed oleografici.

Andò controcorrente e portò il friulano tra le voci di un'Italiacomposita, espressa dai cosiddetti “dialettali ultimi”, in continuo fermento, in
continua evoluzione, in continua ascesa... asciutti, nervosi, umorosi, intenti ad esprimere con un dialetto ridotto all'osso ogni sentimento e movimento dell'anima”pubblicando insieme a Sciascia, a Volpicelli, a Chiara.


Donna di cultura, seppe attingere ad ogni parola della sua gente, come auspicato da Pier Paolo Pasolini, trovando nella lingua parlata dal popolo, attentamente ascoltata e minuziosamente trascritta, lo strumento per raccontare e per liberare sentimenti epersonaggi; scelse con conoscenza e coscienza il friulano, come lei stessa disse:“scrivo in friulano perchè ogni sentimento ed ogni immagine nascono in me congiuntamente alla parola friulana”... “se il mondo della poesia è quello della nostra incondizionata libertà, non può esso esprimersi che nella lingua nativa”. Attraverso
letture curate dagli attori della Compagnia del Teatro Sperimentâl di Avilla di Buja,che da decenni interpretano la voce di questa donna, e la narrazione di LauraNicoloso, il pubblico sarà accompagnato a condividere la sua tensione poetica, il suo
verismo, la compenetrazione panica con ogni creatura. L'Associazione Culturale “eltomât” presenterà la raccolta “Vôs disdevore”, edizione anastatica di una copiaillustrata e con traduzioni vergate a mano dalla stessa autrice.

 

Informazioni aggiuntive